Percorsi verso il bene comune

Festival

Percorsi verso il bene comune

Il Festival dei cammini di Francesco

Il cammino di Francesco non è né esodo né pellegrinaggio, ma un percorso di un uomo verso il mondo, attraverso il mondo, all’incessante ricerca dell’altro. Percorrere il contemporaneo diventa quindi nuovamente l’atto di muoversi verso l’altro, di aprirsi alla conoscenza, di disporsi al dialogo. Atti compiuti da uomini e donne. Persone che condividendo la diversità costituiscono una comunità dai confini porosi, rispettosa e rivolta al futuro.

Incontri e dialoghi

Condividere conoscenze, esperienze e buone pratiche per immaginare modelli di sviluppo qualitativo delle comunità e dei territori.

Esperienza del territorio

Vivere il territorio, naturale e antropizzato, per conoscere e valorizzare le sue vocazioni.

Arte e cultura

Valorizzare i linguaggi artistici e culturali in quanto veicoli privilegiati di condivisione di conoscenza, esperienza e bellezza.

Condividiamo visioni, prospettive, domande

Tra queste, una su tutte: quale può essere il valore del ripercorrere le tracce di Francesco oggi, nel 2020, otto secoli più tardi? La quarta edizione del Festival dei Cammini di Francesco nasce proprio dall’esigenza di condividere domande e di immaginare possibili risposte comuni, da sviluppare, discutere e diffondere. Vogliamo indagare il significato - nel 2020 - del termine responsabilità. La responsabilità di essere persone - uomini e donne - che rispondono in quanto cittadini, amministratori, imprenditori, genitori alle istanze che la contemporaneità ci propone. La responsabilità quindi come pratica quotidiana, possibilità per seguire oggi percorsi tracciati da Francesco secoli fa. La responsabilità come nuovo terreno di confronto per condividere approcci comuni nel seguire percorsi differenti.